scuola

LA SCUOLA FAA’ DI BRUNO NON PERDERA’ L’AUTONOMIA

Da “Il Messaggero” del 26 luglio 2014

smf

Il sindaco di Mondolfo Pietro Cavallo replica seccamente «all’insistenza con cui il Coordinamento Fano Unita e la sua portavoce Laura Giombetti continuano a creare allarmismo» paventando la perdita d’autonomia dell’istituto comprensivo Faà di Bruno nonostante che la questione sia già stata affrontata e spiegata».«Non capisco – puntualizza ribattendo anche al collega Massimo Seri, sindaco di Fano che ha incontrato il Coordinamento – perché si continui a parlare di ricorso alla Corte Costituzionale quando solo la Regione o il Tar possono proporlo. Mi sembra un’utopia pensare che Regione e Tar ricorrano contro loro delibere. In politica bisogna avere il coraggio di dire che si è perso, darsi una stretta di mano ed andare avanti su un percorso di unità. Per quanto riguarda la scuola i cittadini stiano tranquilli, i figli continueranno ad andare nelle scuole attuali. Non capisco poi perché i residenti di Torrette e Ponte Sasso debbano in futuro iscriversi ad altre scuole, anche se la scelta d’una scuola anziché un’altra è legittima. La Giombetti – sottolinea – anziché con Seri avrebbe potuto rapportarsi con il suo nuovo sindaco e tutte le sue preoccupazioni sarebbero svanite». Sulla perdita d’autonomia dell’istituto comprensivo Fàa di Bruno interviene anche l’ex sindaco ed ora consigliere comunale Sergio Sgammini che il tema l’ha affrontato qualche anno fa: «L’autonomia è data dai numeri, la Faà di Bruno è autonoma in quanto ha più di 600 iscritti fra scuola media, elementari e materne. Il comune di Mondolfo non permetterà mai che gli iscritti scendano sotto le 600 unità. Tempo fa, e i politici di Fano se lo ricorderanno, quando si ipotizzò che gli istituti comprensivi per essere autonomi avrebbero dovuto avere 1.000 iscritti anziché 600 il Comune di Mondolfo si dichiarò disponibile ad unire alla Faà di Bruno sia le elementari che le materne della Campus per non farle perdere l’autonomia. Per cui finiamola con l’allarmare la popolazione con notizie ed ipotesi destituite di fondamento».

Annunci